Genitori

I genitori sono invitati a collaborare alle finalità educative della scuola e a far rispettare ai loro figli il regolamento per quanto concerne:

  • l’essere puntuali nell’ingresso alle lezioni, senza eccessivo anticipo;

  • essere precisi ed ordinati nella preparazione del materiale scolastico;

  • il comportamento educato da tenere a scuola;

  • la sollecitudine nel far firmare le comunicazioni, le verifiche, le annotazioni sul diario…;

  • il consiglio di non portare cellulari o oggetti di valore a scuola;

  • il suggerimento ad avere un abbigliamento e un linguaggio adeguato al luogo in cui ci si trova.

I genitori cercheranno di: 

  • controllare quotidianamente il diario per firmare tutte le comunicazioni, i giudizi, le annotazioni;

  •  giustificare con sollecitudine le assenze e i ritardi,

  •  segnalare eventuali problemi (di salute, di famiglia…),

  •  presentarsi a scuola se convocati,

  •  partecipare ai colloqui con gli insegnanti nell’ottica di una serena e produttiva collaborazione,

  • controllare i compiti e le lezioni assegnate, le eventuali annotazioni degli insegnanti, le comunicazioni della scuola e ad apporre la propria firma per presa visione. Si segnala in particolare la necessità di essere puntuali nel rispetto delle scadenze riguardanti consegna di adesioni alle varie attività e relative quote, riconsegna di verifiche scritte ed altre comunicazioni scuola-famiglia.

 

Si richiede alle famiglie un serio impegno nella frequenza dei propri figli alla mensa scolastica.

Secondo quanto ribadito dal DECRETO MINISTERIALE n.30 del 15 marzo 2007: “… i genitori si assumono l’impegno di rispondere direttamente dell’operato dei propri figli nel caso in cui gli stessi arrechino danni ad altre persone o alle strutture scolastiche o, più in generale, violino i doveri sanciti dal regolamento d’Istituto e subiscano di conseguenza l’applicazione di una sanzione pecuniaria ( pagamento dei danni provocati)”.

I genitori possono convocare assemblee di classe, se ritenute necessarie, per discutere problemi della classe stessa.